Al Salone internazionale di Fiera Milano dedicato alle tecnologie che ci difendono nei luoghi pubblici e in casa, due giorni di convegni e workshop il 16 e il 17 novembre al centro congressi Stella Polare sul tema security e assicurazioni. Fabrizio Cossa: “Presentiamo le innovazioni legate alle polizze assicurative di oggi e di domani”.

Debutta anche Itassicura a Sicurezza 2017, il salone internazionale dedicato alle tecnologie che ci difendono nei luoghi pubblici e in casa che si tiene dal 15 al 17 novembre nei padiglioni di Fiera Milano. Un debutto importante, in sinergia con Sicurezza, perché i temi sono complementari e la due giorni di convegni e workshop che esordisce al Centro Congressi Stella Polare della fiera dal 16 al 17 propone incontri, convegni e workshop in cui tutti gli operatori del comparto assicurativo avranno la possibilità di incontrarsi e confrontarsi sui temi di attualità e su quelli del futuro. All’evento partecipano assicuratori, periti, assuntori, broker, intermediari insieme a rappresentanti del mondo accademico, finanziario, bancario e assicurativo. Imprese, cariche istituzionali, influencer e player del settore si incontrano e confrontano sul ruolo che le assicurazioni rivestono a livello sociale ed economico, visto che l’industria assicurativa italiana rappresenta quasi il 9% del Pil Italiano.

Oltre 50 i relatori che interverranno durante i due convegni e i sei workshop dedicati all’impatto e all’evoluzione delle assicurazioni nei settori ambientale, finanziario, tecnologico, istituzionale, sociale, immobiliare, patrimoniale, legale e culturale. Si parlerà anche di esigenze di servizio dell’assicurato, nuove strategie di marketing assicurativo, impatto che i cambiamenti climatici e l’Iot hanno nella definizione della polizza assicurativa. E ci saranno focus sul futuro dell’attività di intermediazione assicurativa nel mondo dell’e-commerce, sulle prospettive dell’arbitrio assicurativo come strumento per ridurre i contenziosi, sul rischio residuo, sul futuro del perito assicurativo, sul cyber risk e sulla sicurezza delle opere d’arte.

“Questa manifestazione è stata da noi pensata sicuramente per i periti, ma anche per l’intero comparto assicurativo, con il coinvolgimento di tutti gli attori del settore – spiega Fabrizio Cossa di Astrea srl -. Tra i vari temi che si affronteranno vi sarà in particolare il ruolo del perito e soprattutto quello che sarà il futuro di questa figura professionale che a tutti gli effetti è il fiduciario delle compagnie assicurative e, in un mondo globalizzato dove tutti possono accedere a tutto, deve adattare la propria offerta al nuovo mercato. Che non vuol dire snaturare la propria professionalità o il core business, ma andare incontro alle esigenze di un mercato in continua evoluzione. Da una parte la velocità e la tecnologia, dall’altra mantenere alta la professionalità. E questo succede in tutti i settori, nelle economie moderne. Il motore della crescita economica è spesso legato proprio dall’innovazione tecnologica”.

“Il mondo assicurativo non è da meno. Oggi i professionisti che, come noi – continua -, mettono in atto ad esempio la videoperizia hanno una opportunità in più di stare sul mercato e di rispondere alle esigenze sia delle compagnie che soprattutto degli utenti, proponendola in alternativa alla perizia tradizionale”. Spiega ancora Fabrizio Costa: “L’assicurato che ha un sinistro, ad esempio un allagamento in casa, tramite un’App dedicata installata sul suo smartphone può immediatamente mettersi in contatto con il proprio assicuratore e soprattutto con chi gestirà il suo danno, ovvero con il perito. Senza perdere tempo, fare denunce raccomandate o fax al proprio assicuratore e poi attendere giorni prima che il perito lo contatti per fissare un sopralluogo e quindi attendere ansiosamente di poter risolvere la sua emergenza e il ristoro dei danni”.

Il perito potrà infatti prendere visione in tempo reale, tramite una connessione live stream, direttamente dalla propria sede operativa, della tipologia e della gravità o meno del danno e quindi proporre all’assicurato un’assistenza a 360 gradi. Che consiste in una proposta immediata di indennizzo; l’intervento di un “riparatore” che provvederà all’indennizzo in forma specifica; proporre, per danni importanti, l’invio di una ditta specializzata in bonifica, risanamento e disaster recovery; effettuare la perizia tradizionale.
“Diversi leader del mercato hanno già avviato test di video perizia con noi e con altri nostri colleghi, con risultati molto soddisfacenti – conclude Fabrizio Cossa -. Noi che abbiamo proposto Itassicura, siamo convinti nel successo della manifestazione perché non sarà un momento di autocelebrazione del nostro mondo ma una due giorni di dibattito, rifilessione, confronto realmente utile e al passo con i tempi“.
Tra i protagonisti di Itassicura, grandi compagnie come Axa Art, Cattolica Assicurazioni, Generali Italia, Groupama, Lloyd’s, Mediolanum Assicurazioni, UnipolSai, Zurich Insurance insieme alle più rappresentative associazioni di categoria.

 

.

Vai alla fonte >